Notizie del giorno 30/10/2011: Renzi e Bersani, che noia

Tra le notizie del giorno: conclusa la convention dei rottamatori e il conseguente botta e risposta tra Renzi e Bersani. Sacconi ha paura che la proposta sui licenziamenti riscateni il terrorismo rosso. Salgono a nove le vittime per l’alluvione.

POLITICARottamatori: si è chiusa oggi la convention guidata da Matteo Renzi. Il sindaco di Firenze ha continuato lo scambio a distanza con il segreterio del Pd Pierluigi Bersani, annunciando “100 nuove idee” ma soffermandosi comunque sul ritrito binomio “giovani” contro “vecchi”.  Dal canto suo Bersani dice che sono invece le idee di Renzi ad essere vecchie, ferme agli anni ottanta. Tra queste, l’abolizione della validità dei titoli di studio, il dimezzamento dei parlamentari, l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, la cancellazione delle Camere di commercio. Non si può dire che il segretario del Pd sia fuori strada, d’altro canto se sono idee che girano dagli anni ottanta ci si dovrebbe chiedere perchè nessun governo di centrosinistra le ha mai attuate. Gioco facile per Renzi riprenderle, anche se non ci crede più nessuno al dimezzamento dei parlamentari.
Licenziamenti: Maurizio Sacconi ha la paura di finire come Marco Biagi, assassinato dalle nuove Br. E’ quanto si coglie dall’intervista rilasciata oggi a SkyTg24, durante la quale ha espresso preoccupazione per i toni utilizzati contro la nuova proposta sui licenziamenti, che potrebbero secondo lui essere preludio ad un nuovo periodo di violenze.

CRONACAAlluvione: salgono a nove le vittime provocate dagli allagamenti della settimana scorsa. E’ stato infatti trovato oggi il corpo di Marco Usai, il volontario scomparso qualche giorno fa durante le operazioni di recupero e bonifica. Rimangono tuttavia ancora molte persone disperse.

Scritto da il 30/10/2011

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>