Salute: l’echinacea e la propoli

Settembre, mese traumatico: si rientra dalle vacanze, si riprende il lavoro, i ragazzi tornano a scuola, i ritmi di vita rallentati dall’estate sono improvvisamente accelerati dal ritorno alla normalità, che comporta quotidianamente stress e frenesia; oltre a questi fattori logoranti il nostro organismo deve affrontare l’arrivo della stagione fredda, ed è proprio in questo clima che le nostre difese immunitarie diventano più soggette a indebolimento e, di conseguenza, siamo più esposti al rischio di malattie, soprattutto a livello delle prime vie respiratorie.
Cosa fare per prevenire sindromi influenzali e parainfluenzali, tracheiti, faringiti? Più di un aiuto lo fornisce direttamente la natura.

L’echinacea, pianta della famiglia delle Asteraceae, originaria del Nord America, presenta tre varietà (Angustifolia, Purpurea, Pallida) con interessanti proprietà immunostimolanti. Non ha una specificità d’azione, pertanto è in grado di stimolare l’intero pool di cellule che compongono il sistema immunitario: aumenta l’attività dei macrofagi (le cellule deputate a fagocitare e inattivare batteri e virus), aumenta la differenziazione dei globuli bianchi e la produzione di interleuchine, sostanze che stimolano l’attività dei linfociti.
Da alcuni studi sull’animale è emerso che l’echinacea stimola la produzione e l’attività delle cellule NK (Natural Killer) che attaccano e inattivano cellule anormali, dunque può avere anche un’azione antitumorale in fase di prevenzione.
L’estratto di echinacea è ricco di acidi clorogenico e caffeico, flavonoidi ed echinacosidi (responsabili dell’attività della pianta) e si trova sottoforma di estratto secco in capsule o estratto idroalcolico che va diluito in acqua.
E’ particolarmente indicata per prevenire le affezioni delle prime vie respiratorie, se invece la malattia è già in corso ne attenua la sintomatologia. L’effetto immunostimolante raggiunge il picco dopo una settimana di terapia, restando costante con la continuazione dell’assunzione.
L’echinacea è una pianta relativamente sicura in termini di tossicità, la terapia può essere continuata fino a 2 mesi, ma se ne sconsiglia l’uso in caso di allergie, in pazienti con evidenti problemi epatici e in coloro che hanno subito trapianti d’organo.


La propoli, prodotta dalle api, oltre a essere un componente portante della struttura dell’alveare, è utilizzata come disinfettante prima della deposizione delle uova da parte della regina e per neutralizzare gli intrusi.
Rappresenta un rimedio naturale contro le infezioni delle alte vie respiratorie come mal di gola, tracheiti e tonsilliti ed è utilizzata nell’ambito della prevenzione, grazie alla presenza di resine, balsami e cere (ricche di vitamine C, E, B) e flavonoidi ad attività antiossidante (galangina in primis).
La propoli ha attività battericida a concentrazioni più elevate e batteriostatica (inattiva e inibisce la proliferazione senza distruggere il microrganismo) a concentrazioni minori: è dunque un antibiotico naturale, utile soprattutto nelle infezioni che coinvolgono il cavo orale. Presenta un’attività antivirale nei confronti di molti ceppi di influenza e di herpes, impedendo l’adesione del virus alla cellula bersaglio e ha un’azione antimicotica verso funghi localizzati sulla cute o sulle mucose orali, come la Candida in bambini, anziani e soggetti immundepressi.
Oltre ad avere effetti contro i microrganismi patogeni, la propoli ha effetti benefici sull’organismo: è un anestetico e un antinfiammatorio naturale, poiché inibisce l’azione di alcuni mediatori dell’infiammazione, e presenta azione immunostimolante e antiossidante dovuta ai flavonoidi e alle vitamine E e C.
In commercio si trova sottoforma di compresse da sciogliere in bocca, spray antinfiammatori per la gola o estratto idroalcolico da sciogliere in acqua. Generalmente vanno assunti lontano dai pasti, compresse e spray sono da utilizzare 3-4 volte al giorno, l’assunzione delle gocce prevede 1 goccia per kg di peso corporeo e va divisa in due somministrazioni giornaliere.
La propoli è un prodotto praticamente privo di rischi, se si escludono le allergie, adatto a tutte le età e particolarmente efficace nella prevenzione di infezioni orali.
Buona salute a tutti!

Scritto da il 24/10/2011

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>