Notizie del giorno 22/10/2011: la discussa morte di Gheddafi

Tra le notizie del giorno: il Cnt respinge le richieste di chiarimento sulla morte di Gheddafi. Domani l’annuncio della liberazione della Libia, mentre la Nato lascerà il paese a fine mese. Mubarak piange la morte di Gheddafi. Arrestato a Chieti un giovane per le violenze di Roma. Blindato il cantiere No Tav. Tremonti propone “Eurosud”.

ESTERILibia: fa naturalmente ancora discutere la fine del Raìs. Il Consiglio nazionale di transizione respinge le richieste di chiarimento sulla morte da parte dell’Onu. Ufficialmente, secondo il Cnt, Muhammar Gheddafi sarebbe morto durante uno scontro a fuoco, ma le testimonianze video smentiscono questa versione. Catturato vivo, è morto per un colpo di pistola alla testa, come ha confermato l’autopsia. Continua comunque il processo di normalizzazione nel paese: domani sarà dato l’annuncio della liberazione, mentre le prime elezioni si terranno tra 8 mesi. Anche la Nato è finalmente riuscita a prendere una decisione: concluderà il suo impegno a fine ottobre.
Mubarak: l’ex presidente egiziano è stato informato dal suo letto d’ospedale della morte del leader libico. La visione delle foto ha provocato una crisi di nervi e di pianto che ha richiesto la somministrazione di calmanti. Era molto legato a Gheddafi, e si dice che abbia paura di morire anche lui così.

CRONACAGuerriglia Roma: arrestato a Chieti un giovane con l’accusa di tentato omicidio per aver appiccato fuoco alla camionetta dei Carabinieri, uno degli eventi clou della giornata di violenze. Il ragazzo si stava dirigendo in Val di Susa per partecipare alle proteste.
No Tav: blindato il cantiere. E’ stata stabilita una zona rossa che dovrebbe tenere i manifestanti lontani almeno un chilometro dai lavori. Il portavoce del movimento No Tav sostiene che si limiteranno ad una protesta pacifica e simbolica, ma il Ministero dell’Interno si aspetta anche l’azione di gruppi violenti, per quanto limitati.

ECONOMIAEurosud: alla vigilia del vertice europeo Giulio Tremonti ha presentato un programma di sviluppo per il mezzogiorno. Il piano, chiamato Eurosud, prevede una diversa, si presume quindi migliore, distribuzione dei fondi europei.

Scritto da il 22/10/2011

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>