Notizie del giorno 06/10/2011: la morte di Steve Jobs

Tra le notizie del giorno: Forza Gnocca o Forza Silvio? Berlusconi nega problemi con Tremonti ma Bossi lo punzecchia. Morto Steve Jobs, guru di Apple, cordoglio mondiale. Moody’s taglia il rating di diverse aziende italiane. Oggi i funerali a Barletta.

POLITICABerlusconi: il Presidente del Consiglio interrompe i giorni di silenzio con un’uscita delle sue: “chiamerò il Pdl Forza Gnocca“. E c’era chi ha storto il naso sul “Forza Silvio” riferito ieri da Giuliano Ferrara. Goliardia a parte, è secco e diretto nel negare ogni problema con Giulio Tremonti e nell’allontanare l’ipotesi di un governo tecnico o di elezioni. Umberto Bossi lo smentisce a sorpresa, prospettando elezioni prima del 2013. Pesa ancora, tra gli alleati, la distanza sulla nomina a Bankitalia.
Ddl intercettazioni: ancora in ballo modifiche alla legge, e il governo annuncia la fiducia sul voto sul disegno di legge. La situazione è quindi ancora incerta, anche se sembra scongiurata la norma ammazza-blog.
Montezemolo: torna a fare capolino il presidente di “ItaliaFutura”, parlando della necessità di un “grande movimento popolare“. L’imprenditore insomma continua a tastare il polso della società italiana per cercare di capire quale sia il momento giusto di “scendere in campo”.

ESTERI - Steve Jobs: la vera notizia del giorno è la scomparsa del guru di Apple, deceduto a causa di un tumore al pancreas diagnosticatogli nel 2007. Jobs aveva lasciato la posizione di CEO all’interno della società della mela solo ad agosto, annunciando di doversi ritirare appunto per ragioni di salute. Manifestazioni di cordoglio da tutto il mondo.
Moody’s: la società di rating non dà pace all’Italia. In nottata ha tagliato il rating di diverse aziende private e istituzioni pubbliche come Eni, Enel, Poste Italiane. Una decisione più che attesa, ovvia, dopo il downgrading del debito italiano.
Usa: Barack Obama interviene sulle proteste degli “indignados”. Durante un discorso incentrato sulla crisi economica, ha affermato che le proteste sono la voce degli americani frustrati dal mal funzionamento delle strutture economiche e finanziarie del paese.

CRONACABarletta: oggi i funerali delle vittime del crollo dell’edificio. Giorgio Napolitano ha preso spunto per sottolineare le pessime condizioni in cui si lavora nel Meridione.

Scritto da il 06/10/2011

Lascia un commento

XHTML: Puoi utilizzare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>